Onorari proporzionati al servizio

Il medico non vende un prodotto ma eroga delle terapie; quindi si adopera per riportare uno stato patologico ad uno stato risanato o rendere sopportabile la manifestazione di sintomi disagevoli.

Il paziente quando salda un onorario non compra un prodotto ma paga una prestazione professionale composta di molti elementi:

  • Conoscenze e manualità del professionista.
  • Tempo del professionista.
  • Investimento in aggiornamento culturale del professionista.
  • Investimento in attrezzature perfettamente aggiornate e funzionanti.
  • Investimento in personale preparato e cortese.
  • Garanzia che qualunque problema verrà risolto nel migliore dei modi.
  • Garanzia che anche a terapie ultimate, la durata nel tempo del risultato sarà lunga.

Disquisire sugli onorari è sempre molto difficile.
La Legge 04/08/2006 n. 248 stabilisce che l’onorario deve essere decoroso, nel senso che deve essere commisurato alla difficoltà, alla complessità e alla qualità della prestazione, tenuto conto delle competenze professionali e dei mezzi impiegati allo scopo.
Per enfatizzare questo concetto, che ritengo fondamentale, io propongo un parallelo.
Se una persona deve acquistare una autovettura, farà le sue considerazioni non ultime il costo d’acquisto:
Se la sua necessità è solo spostarsi allora può comprare una City Car: 13.000€
Se la sua necessità invece è di andare velocissimo allora può comprare una Fuoriserie; 75.000€
Ognuno è libero di spendere i propri soldi come meglio preferisce.
I problemi nascono quando si vogliono le prestazioni di una Fuoriserie al costo di una City Car.
Non è possibile soddisfare questa richiesta.

Questo solo per dire che le terapie ben fatte, con personale e attrezzature adeguate costano.
Non possono essere replicate dai centri Low Cost.
Chi cerca prestazioni professionali di qualità a prezzi da centro Low Cost non risolverà mai i suoi problemi, ma molto probabilmente ne avrà anche di nuovi.
Ecco perché l’attività come consulenza tecnica di parte in cause legali sta diventando una parte importante della attività di studio.

Studio sui centri low cost
Adnkronos 1
Adnkronos 2

Un altro questito che, fortunatamente si pone sempre meno frequentemente, è il seguente:
Cosa è più caro?
I 250 € di una ricostruzione complessa ben fatta che dura 20 anni, oppure i 40 € per delle unghie finte che durano al massimo 1 mese?