Organizzazione

La mission dello studio è quella di curare i pazienti odontoiatrici secondo i protocolli clinici più aggiornati e avvallati dalle evidenze scientifiche internazionali.
L’obiettivo è quello di ristabilire e mantenere la salute intesa come condizione di benessere fisico e psichico della persona.
I potenziali pazienti sono di tutte le età e di entrambi i sessi.
I processi biologici che portano alla guarigione sono esattamente gli stessi, anche se si pensa che siano diversi; ovviamente l’approccio comportamentale è diverso se il paziente è un bambino piuttosto che un adulto.

Eccellenza clinica

Il concetto dell‘ Evidence Based Medicine è stato introdotto da Gordon Guyatt della McMaster University in Ontario, Canada nel 1990. Si tratta di un nuovo paradigma per l'educazione medica progettato per integrare la ricerca nel corso della formazione medica ed è stato sviluppato per aiutare i professionisti a fornire le migliori cure per i loro pazienti.

L‘Evidence Based Dentistry (EBD) è un approccio alla cura della salute orale che richiede l'integrazione precisa di valutazioni cliniche sistematiche e di rilevanti prove scientifiche, in materia di condizione orale e medica del paziente, in relazione all'esperienza clinica del dentista ed alle esigenze di trattamento del paziente (Tratto dall'American Dental Association).

Già da molti anni si è manifestata la possibilità di approfondire in maniera importante tutte le branche della odontoiatria: conservativa, endodonzia, protesi , chirurgia, implantologia ecc.
I congressi, le riviste scientifiche, internet ed altro permettono uno scambio di informazioni enorme; basti pensare che solo la mole degli articoli pubblicati ogni giorno è difficilmente consultabile da un comune professionista.
E' stato calcolato che sommando tutti gli articoli pubblicati di tutte le riviste mondiali in campo odontoiatrico ogni giorno ci sarebbero da leggere almeno 40 articoli su un singolo argomento!
Questa enorme quantità di dati non è memorizzabile da un singolo essere umano; viceversa può essere gestita da più esseri umani.
Ecco che nasce il concetto di specializzazione intesa come restringimento del proprio ambito operativo a vantaggio del massimo approfondimento culturale e dell’affinamento manuale.
La tuttologia non è più attuale!
L’odontoiatria non è più la cenerentola delle professioni sanitarie!

Fedele a questa filosofia da sempre ho affidato le cure dei miei pazienti ad un gruppo di professionisti che dedicano gran parte della loro vita professionale migliorare le loro capacità operative nella singola branca di competenza.
Ecco perché nel mio studio si parla di Team e non di dott. Zaccaria.


Gestione degli appuntamenti

Non tutti gli stati patologici di partenza sono uguali per cui deve essere adottato un criterio di priorità da adottare nella programmazione degli appuntamenti giornalieri.
Nel mio studio ho da tempo deciso di adottare il metodo del triage tipico dei pronti soccorsi ospedalieri:
L'accesso alle cure non avviene sulla base dell'ordine di arrivo ma sulla priorità delle loro condizioni.
In base a questo principio la segreteria è in grado di stabilire un ordine tra i soggetti che vi giungono, dando gli appuntamenti prima ai casi con una priorità maggiore e poi a quelli con priorità minore.
Il grado di urgenza di ogni paziente è rappresentato da un codice colore assegnato all'arrivo in base a semplici concetti dettati dal comune buon senso:

Codice Rosso
Il paziente ha dolore che può essere risolto solo da personale medico e pertanto gli si offre la possibilità di essere trattato in giornata. Ha la precedenza su tutti gli appuntamenti programmati.

Codice giallo
Il paziente non ha dolore ma solo un problema funzionale che può essere risolto anche dal personale infermieristico e pertanto gli si offre la possibilità di essere trattato in giornata.

Codice verde
Il paziente non ha nessuna sintomatologia pertanto ha una scaletta di appuntamenti programmati.

Codice bianco
Il paziente non deve essere curato ma deve solo parlare con il dott. Zaccaria. Viene ricevuto a fine giornata dopo gli appuntamenti in modo da poter colloquiare senza limite di tempo. Tipicamente si tratta di appuntamenti finalizzati a discutere i piani di trattamento.